A chi rivolgersi

Quando ci accingiamo a scegliere un cucciolo dobbiamo valutare le diverse esigenze di ogni futuro proprietario.

Il sesso

La prima cosa che deve essere presa in considerazione è se scegliere un maschio o una femmina. Si tratta di un fattore molto personale in quanto non è registrata alcuna basilare differenza tra i sessi relativamente a carattere o intelligenza.

Se non destinato alla riproduzione, sarebbe consigliato valutare l’opportunità della sterilizzazione

Colori

I Cocker si presentano in svariati colori tutti molto piacevoli, dal completamente nero al completamente rosso/fulvo/biondo ai pluricolori: bluroano, bianco arancio, tricolore, tricolore roano, bianconero, nerofocato, marrone focato, cioccolato, cioccolano roano, sable etc..

Ancora una volta la scelta dipende dal gusto personale. Ogni colore ha un suo fascino.

 

L’acquisto

Quando avrete deciso su sesso e colore del vostro futuro cucciolo potrete iniziare a prendere contatti con gli allevatori, professionisti o privati che siano, purché di vostra fiducia.

Spesso per ottenere il soggetto giusto ci vuol pazienza, non deve essere una gara contro il tempo, quanto piuttosto una scelta ponderata ed equilibrata. A volte non basta soffermarsi a ciò che sembra più facile e vicino, a volte è necessario macinare parecchi km per trovare il cane che fa per noi.

Non fermatevi alla prima “capanna”, meglio valutare diverse soluzioni prima di prendere una decisione definitiva su dove acquistare il vostro cucciolo.

Nella sezione dedicata agli allevatori di Cocker Spaniel Inglese potrete trovare i contatti degli allevamenti segnalati su ilcocker.net
Inoltre il sito mette a disposizione degli allevatori la possibilità di segnalare le proprie cucciolate e agli utenti di controllare quali sono le cucciolate disponibili.

Per prendere il vostro nuovo cucciolo le opzioni sono due: ricorrere ad un allevatore di serie A o ad un privato serio. Per allevatore di serie A non si intende unicamente il grandissimo allevatore con molti soggetti, ma finanche un allevatore “amatoriale” che tuttavia rispecchi certi parametri. Se invece si opta per il privato, non bisognerà pensare di andare da questo unicamente per risparmiare, perché il privato serio sa di dover assolutamente rispettare gli stessi parametri degli allevatori.

L’ allevatore o il privato per esser considerato di serie A deve osservare alcuni aspetti imprescindibili:
–       non dare mai i cuccioli prima dei 60gg;
–       non essere un allevamento multirazza (per multi-razza si intende quelli sopra le quattro razze o ancora peggio quelli che hanno cuccioli di tutte le razze perennemente disponibili);
–       dichiarare tutta la cucciolata all’ENCI e vendere unicamente con pedigree;
–       mostrare copia pedigree dei genitori e copia modulo A e B di dichiarazione della cucciolata;
–       riproduttori testati per le patologie ereditarie (fatevi mostrare certificati dei riproduttori, se essi sono esenti di Nefropatia Familiare/FN, atrofia progressiva della retina prcd-PRA, con un grado di displasia dell’anca non oltre lo C);
–       non far riprodurre la fattrice ad ogni calore;
–       dare i cani con libretto sanitario con segnate vaccinazioni e trattamenti antiparassitari effettuati;
–       consegnare i cani con microchip inserito e iscrizione all’anagrafe canina regionale;
–       valutare attentamente i possibili futuri acquirenti prima di affidar un loro cane;

Questa è una serie di fattori che andrebbero rispettati, parallelamente poi a delle accortezze che possono esserci o meno, quelle che rientrano nella soggettività, ma i punti cardine son quelli sopra descritti.

 

Se siete alla ricerca di un cucciolo solo per compagnia dovrete concentrare la vostra attenzione solo sul suo aspetto generale, assicurandovi che si tratti di un cucciolo sano, vivace, ben cresciuto e che incontri la vostra simpatia. Se siete alla ricerca di un cocker da esposizione chiedete consiglio al vostro allevatore se la cucciolata che vi sta proponendo è promettente da questo punto di vista.

Cercate nella cucciolata il cucciolo più vivace, piuttosto che lasciarvi tentare dal più timido e tranquillo che magari vi commuove maggiormente. Un cucciolo dovrebbe essere sempre pronto a mangiare la sua pappa e a giocare con i suoi fratellini. Controllare bene le orecchie, non devono emanare un cattivo odore e l’interno deve essere pulito e rosato. Gli occhi devono essere limpidi, la bocca pulita con denti bianchi, il pelo lucido. Infine il cucciolo dovrà essere rotondetto, vale a dire né troppo grasso né troppo magro.

Spesso in molti pensano di risparmiare prendendo il primo cucciolo che trovano vicino casa, ma non è così, per avere un cane di razza si paga (tranne che non si adotti in qualche canile o rescue) e questo pagare dà comunque delle garanzie. Pagare certe cifre (dagli 800 ai 1500 euro i prezzi medi in Italia) per cuccioli provenienti da un allevamento o dalla cucciolata di un privato di un certo tipo è più che giusto, non lo è acquistare cani a prezzi magari più bassi, ma comunque elevati, in luoghi che non danno alcuna garanzia (es. i negozi che vendono mangimi di animali e espongono cuccioli vivi..), figli di cani che magari del cocker hanno nemmeno le orecchie.

Purtroppo oggi c’è la cattiva abitudine di voler necessariamente cimentarsi nell’apparentemente semplice esperienza di una cucciolata, senza avere la minima competenza a riguardo. Quante volte il vicino di casa piuttosto che i personaggi che popolano strade e parchi vuol far accoppiare il proprio cagnolino con la cagnolina che vedono passare di lì?! Spesso ci si imbatte in proprietari di maschi che vogliono far sfogare la virilità del loro cane o in proprietari di femmine che pensano che la loro cagnolina ha un terribile desiderio/bisogno di diventare mamma. Il tutto senza curarsi del fatto che siano o meno cani tipici, che siano cani sani (esenti e non portatori o peggio affetti da patologie ereditarie) senza pensare da dove vengono, se hanno problemi alle spalle, senza pensare a niente di niente. Queste sono situazioni da cui diffidare.

Una cosa che invece vogliamo sottolineare e ribadire è che non bisogna comprare i cani nei negozi! La maggior parte dei cani che troviamo in negozio sono importati dai paesi dell’est, non dai buoni allevamenti, ma veri e propri “canifici”, posti dove le cagne sono messe in riproduzione ad ogni calore, i cuccioli tenuti senza le dovute cure e tolti precocemente dalla mamma per poi essere importati in modo assurdo e spesso illegale nel nostro paese. E’ così che arrivano spesso già malati ed in poco tempo muoiono, alcuni addirittura somministrano dei medicinali che servono a ritardare i sintomi di cimurri e gastroenteriti emorragiche virali, in modo che i cani inizino a star male una volta giunti a casa dello sprovveduto acquirente, spesso fanno firmare dei “contratti” dove limitano la loro responsabilità a pochissimi giorni dopo l’acquisto, in modo poi da non dover rispondere di eventuali problemi.

A volte capita che qualche cucciolo fortunato riesce a sopravvivere o stia bene, ma sono cani comunque che non hanno nulla della razza richiesta se non una vaga somiglianza fisica, cani non selezionati sotto nessun punto di vista, cani che spesso hanno un temperamento nevrile o aggressivo. Alcuni presentano un pezzo di carta che chiamano “pedigree estero” o “pedigree internazionale”, ma attenzione non si tratta del pedigree export, si tratta di un puro pezzo di carta, con diversi nomi sopra e niente di più, che ha valore pari a zero.

Il traffico di cani dell’est vede cuccioli comprati e importati dai negozianti a 50€ e rivenduti a partire da 400€ in su. Questo è puro lucro, perché non c’è nessun lavoro alle spalle e nessuna spesa che giustifica una simile richiesta.
Gli allevatori seri non lasciano mai i loro cani al negoziante, perché vogliono vedere e valutare attentamente a chi affidare i propri cuccioli e così dovrebbero fare anche i privati seri, quindi diffidate anche dai negozianti che vi dicono che sono “cucciolate private o di allevatori italiani”.

Quindi volete un cocker spaniel inglese? Mettetevi con pazienza alla ricerca della situazione che più si adatta a voi e poi valutate dove poter acquistare il vostro cucciolo. Fate tante domande al vostro allevatore, se serio risponderà senza problemi a qualsiasi tipo di quesito sulla razza.

Lascia un commento